Sonia, Slow Town author

This slideshow requires JavaScript.


Cosa ti è venuto in mente di dedicare tutto questo tempo a un progetto del genere? Non tutto si sceglie, alcune cose capitano. Cioè? Anni fa lavoravo nell’ambito della ricerca di contenuti televisivi innovativi e su richiesta di un’emittente ho iniziato ad indagare sul tema dell’ambiente. Ancora prima che Al Gore vincesse il premio Nobel per la Pace con il documentario An unconvenient truth. Ho subito capito che era l’argomento del futuro. E poi? La rete in questione ha deciso di non investire più in questa direzione ma io ho proseguito lo stesso, da sola, nel confezionamento di un prodotto editoriale utile. Non l’hai mai presentato? Sì, certo. Solo che gli editori, negli ultimi anni, sono stati presi da altre priorità. Qualcuno mi ha addirittura risposto che non c’era sufficiente interesse da parte del pubblico su questa materia per giustificare un investimento quando invece le ricerche dimostrano esattamente il contrario. All’estero, per esempio, non si contano le persone, anche celebri, dedite alla causa. Quindi? Ho aspettato che fosse il momento giusto e proseguito ad aggiornare il mio progetto. Ora i tempi sono più che maturi. Milano soffre e i milanesi sono molto più preoccupati di quello che sembra. Lo dimostrano le firme raccolte per il referendum. Sarebbe uno spreco non sfruttare l’onda per cercare di migliorare davvero la qualità della vita nella nostra città e allinearci agli standard di altre capitali europee molto più all’avanguardia di no. Faccio l’avvocato del diavolo: utopia? No, c’è già una marea di gente attiva in questo senso: da aziende di spicco a privati impegnati a vario titolo. Il punto è che non esiste un posto dove parlarne. E pensare che, oggi come oggi, basterebbe catalogare le iniziative. Non si tratta neanche più di far sensibilizzazione. Sono talmente tante che è diventato quasi difficile sceglierle. E poi una ciliegia, tira l’altra. Una volta iniziato, chi è rimasto fuori seguirebbe, se non altro per stare al passo. In bocca al lupo, allora. Speriamo. Crepi.

Advertisements

One comment

  1. Aw, this was an extremely nice post. Taking a few minutes and actual effort to produce a great article… but what can I say… I put things off a lot and don’t seem to get nearly anything done.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: