Sbirciatina in Ca’ Granda

This slideshow requires JavaScript.

Esiste un luogo in pieno centro che di norma non si trova sulle guide turistiche poiché essendo sede dell’Università degli Studi non è visitabile in senso stretto. Eppure sono in molti a considerarlo uno degli spazi più belli di Milano e ad approfittare di un eventuale passaggio in zona Duomo per entrare a dare una sbirciatina tra gli antichi chiostri di quello che è di fatto il più maestoso edificio rinascimentale della nostra città con una facciata monumentale che si estende per quasi 300 metri. La Ca’ Granda di solito viene aperta al pubblico solo in occasione della settimana del Salone del Mobile quando diventa una magnifica cornice per fantastiche installazioni ma bisogna immaginare questo spazio come un enorme ospedale voluto da Francesco Sforza nel 1456 per conquistare il favore del popolo. 43.000 metri quadrati di terreno donati per un’opera di pubblica utilità: omnia palatia nostra dal brolo al laghetto. Una decisione storica nonché un’astuta mossa politica che tuttavia dovette attendere l’autorizzazione papale per essere messa in pratica visto che sino ad allora era stata la Chiesa a occuparsi dei bisognosi con piccoli ricoveri per miserabili, vecchi e orfani allestiti presso i luoghi di culto sotto l’autorità arcivescovile. L’Hospitale Magnum avrebbe unificato tutte le strutture preesistenti sotto un’unica direzione sanitaria che sarebbe comunque rimasta religiosa sebbene i laici avessero già iniziato a partecipare alle attività di caritas spinti dalla vocazione o dalla prospettiva di ottenere la redenzione dai peccati. Occuparsi dei malati era considerato un dovere sociale all’epoca laddove peste, epidemie e carestie costituivano una minaccia costante. L’idea di un letto dove essere curati rappresentava quindi una specie di miraggio, figuriamoci un ospedale per i poveri. Avanguardia pura. A tutti i pazienti con possibilità di guarigione stava per essere assicurata dignitosa assistenza mentre i più sfortunati avrebbero continuato a esser confinati nei lazzaretti. Filarete diede inizio all’avveniristico progetto la cui costruzione proseguì per 500 anni. Il tutto grazie a generosi finanziamenti privati, donazioni testamentarie e parte degli introiti di un giubileo istituito apposta: indulgenza plenaria a chiunque si fosse recato nella Chiesa dell’Annunciata durante il giorno della Festa del Perdono, cioè il 25 marzo degli anni dispari. Una quadreria tuttora esistente e composta da oltre 900 ritratti testimonia l’intenso contributo di innumerevoli benefattori. La planimetria originale, solo in parte realizzata, invece fu impostata dall’architetto toscano sulla sacra figura del quadrato come previsto dall’impostazione classica: 10 quadrati piccoli per formare un grande rettangolo con, al centro, una chiesa. Ai due lati, una croce – simbolo della sofferenza umana – avrebbe tagliato in quattro due corpi simmetrici per formare altri 4 quadrati più piccoli sui cui 4 bracci sistemare i degenti con vista su 4 meravigliosi cortili e sull’altare posto al centro della crociera. Soffitti alti, ampie finestre, aria fresca, acqua dal Naviglio, cunicoli sotterranei dove far scorrere i liquami, lenzuola pulite, servizi ogni due pazienti, la possibilità di passeggiare sotto eleganti portici più un sepolcreto dove finire nel più triste dei casi. Un lusso per quei tempi. Completano il disegno una farmacia, una legnaia, una ghiacciaia, una vasca per i bagni, un chiostro per le balie e altri ambienti comuni utili tra cui le stalle, le cucine e una lavanderia. Una purezza geometrica che verrà poi arricchita da altri significativi contributi: Guiniforte Solari aggiunse al secondo piano tipici decori lombardi in cotto e mattoni; Francesco Maria Richini innalzò la Chiesa della Beata Vergine e il cortile d’onore impreziosendoli con dettagli barocchi; gli artisti che lavorarono dopo il ‘700, invece, seguirono un rigoroso stile neoclassico per completare l’ala di sinistra. Il complesso riassume il linguaggio architettonico di 5 secoli e rappresenta un esempio di cooperazione cittadina molto avanzato, espressione di un altruismo forse dimenticato: Milan cònt el coeùr in man. Eravamo gente generosa, sincera e laboriosa. Recuperare un po’ di memoria potrebbe essere il primo passo per arginare un individualismo sfrenato. Chissà.

Advertisements

4 comments

  1. 888leeloo888

    Bellissimo articolo Sonia, mi hai catapultato in un altro spazio-tempo per tutta la lettura. Sul tuo blog leggo sempre cose che fino a quel momento non conoscevo. 🙂

  2. Pingback: Riaprire i Navigli, un sogno realizzabile | slow town milano

  3. Pingback: Lo Sposalizio della Vergine, di Raffaello | slow town milano

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: