OM, Bio Beauty Bistrot

This slideshow requires JavaScript.

Varcare un portone di Corso Magenta nel cuore della Milano antica e trovarsi in un elegante cortile apparecchiato con qualche tavolino sapientemente collocato tra vasi di piante verdi. Alzare lo sguardo e scoprire che il cielo viene tagliato a ottagono dalle mura di un palazzo ottocentesco che salgono ripide verso l’alto. Scorgere una piccola porta a vetri e accorgersi che qui si nasconde un delizioso bistrot. Entrare e lasciarsi avvolgere da una musica soft per poi essere attratti da candide boccette dall’etichetta lavanda che lasciano presagire i profumi di un mondo incontaminato. Accomodarsi tra romantici decori floreali e dare una sbirciata al menu per accorgersi che comprende piatti biologici e benefici centrifugati. OM. Sembra l’invito ad allentare le tensioni di una lezione di yoga. Dove siamo capitati? E’ sufficiente chiacchierare con Luigi, il proprietario, per scoprire di essere in uno spaccio di cosmetici biologici. Cioè? E la nostra idea di prodotto di bellezza cambierà per sempre. Dei 25 gesti che ogni donna compie mediamente ogni giorno per prendersi cura della persona, la maggior parte sono inutili se non addirittura nocivi. Tutto dipende, ancora una volta dagli ingredienti. Non ci voleva molto a intuirlo ma forse occorre sempre troppo tempo per fare le debite riflessioni. Il beauty case diventa a questo punto un ricettacolo di ambigue confezioni lucenti che millantano prodigiose proprietà legate a universi bucolici laddove spesso e volentieri i contenuti sono di origine prevalentemente sintetica. Ebbene sì, è possibile usare il termine naturale anche quando una formula comprende solo il 5% di sostanze vegetali. Sorge spontanea qualche domanda sugli ingredienti chimici ma basta una rapida googlata per capire che stiamo aprendo l’ennesimo capitolo controverso e che i derivati del petrolio non godono certo di una fedina incensurata. Potrebbero soffocare i pori della nostra pelle anziché conservare, diluire e idratare. Volano bollini rossi per parabeni, siliconi e petrolati anche se servirebbe una laurea in farmacia per decifrare le etichette dei cosmetici visto che l’INCI, cioè la lista degli componenti specificata nel rispetto della nomenclatura internazionale, è praticamente incomprensibile per noi comuni mortali. Potrebbe aiutare il bio dizionario oppure una App, tenuto conto del fatto che la citazione segue l’ordine di concentrazione e che tutto ciò che naturale conserva il suo nome in latino mentre tutto ciò che è chimico segue denominazioni altre, tuttavia salgono i sospetti ma non aumentano le certezze. Sarà mica meglio spargere sul nostro corpo emulsioni a base di preziose erbe officinali dalle indubbie virtù? Il gentilissimo padrone di casa si presta a un’introduzione sul regno dei trattamenti di bellezza naturali partendo dall’abc: un cosmetico biologico si ottiene da ingredienti rigorosamente naturali e non trattati trasformati nel rispetto dell’ambiente senza creare successivi problemi di smaltimento visto che si tratta di sostanze biodegradabili. Svariate certificazioni possono aiutarci a verificare la credibilità dei titoli apposti sui packaging. Nel caso specifico, la linea degli Officinali Montauto è prodotta in Maremma partendo da piante coltivate senza pesticidi su una terra baciata dal sole e lambita dal vento che vengono raccolte nella stagione più propizia e lavorate a pochi passi dai campi. Le creme sono semplici emulsioni di acqua con oli vegetali derivati dalla frangitura di semi. I principi attivi sono estratti da erbe tipiche della macchia mediterranea come la lavanda, il mirto, il rosmarino, la calendula, l’ulivo. Il profumo è dato esclusivamente da oli essenziali bio. Tornata alla scrivania, ho maturato una convinzione: i miei acquisti non saranno più gli stessi. Se capitaste da quelle parti per approfondire, occhio che potrebbero scivolare nel sacchetto altre prelibatezze toscane: olio extra vergine di oliva, miele e tisane. Senza dimenticare che il bistrot è aperto per colazione, pranzo e aperitivo con una deliziosa selezione di eccellenze biologiche italiane. Non resta che ringraziare e segnare in agenda un nuovo indirizzo. À bientôt. OM Food. Corso Magenta, 12. Milano. Tel. 02. 36522069.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: